Tutti i più importanti poeti italiani facevano un doppio lavoro.
Giacomo Leopardi era un domatore.
Giovanni Pascoli era un pastore.
Torquato Tasso era un banchiere.
(Antonio Covatta)