La faccia di Gennaro ricordava una Volvo Station Wagon, ed è per questo che aveva un viso familiare.
(Riccardo Cassini)