Un fachiro, beatamente steso sulla tavola irta di chiodi, tiene tra le braccia un porcospino e, accarezzandolo, mormora: "Micetto, micetto mio...!"
(grazie a Silvana)