A Torino entrano in un bar un torinese, un calabrese e un senegalese.
Ordinano un caffè e, mentre aspettano, uno di loro senza volerlo rovescia la zuccheriera.
Fa per raccoglierla, ma da essa magicamente esce un genio: "Sono il genio della zuccheriera, potete esprimere un desiderio a testa, chiedetemi qualsiasi cosa e sarete esauditi!"
Dopo lo stupore iniziale, si fa avanti il calabrese "Io voglio diventare ricco per potermene tornare in Calabria, anzi vorrei che tutti i meridionali potessero
essere benestanti in modo da ritornare nella propria terra senza dover stare qui ed essere insultati dalla gente del Nord!"
Detto fatto: il napoletano sparisce, e con lui tutti i meridionali presenti al Nord.
Subito dopo si presenta il senegalese: "Anch'io voglio che tutta la gente africana possa stare bene, tornare in Africa e non subire le umiliazioni
che subisce qui!". Anche lui immediatamente viene accontentato.
A questo punto toccherebbe al torinese, il genio gli chiede: "E tu, cosa vorresti?" Con un sospiro lui risponde: "Mah, mi sària a pòst
paréi, fame'n cafè vah!" [io sarei a posto così, caso mai fammi un caffè!]