Si usano deplorare le morti premature, ma nessuno depreca quelle tardive, ben più incresciose di tutte.
(Alessandro Morandotti)