In curva, con la moto piegava così tanto che, invece che dei moscerini, doveva stare attento ai lombrichi
(da "Il bar sotto il mare", Stefano Benni)