Era povera, ma così povera, che quando si mangiava le unghie apparecchiava.
(Giobbe Covatta)