Questa è una famosa poesia di Salvatore QUASIMONDO.
(grazie a Il ruggito del coniglio)