Vita dura per le donne degli informatici